Farmacia Fabrizi

La nostra storia

17036_101477889885569_6111146_n

La farmacia Fabrizi muove i primi passi con Decreto Prefettizio del 22 agosto 1932, quando è autorizzato all’esercizio il Dr. Quintino Checchia in via Soccorso n.23.
Il 6 giugno 1956 essa è alienata alla Dr.ssa Rachele Stoduto in Fabrizi, mia madre, ed autorizzata con decreto Prefettizio del 8 agosto 1956, talché assume l’attuale denominazione dal cognome di mio padre, proveniente dall’Abruzzo.

Il 4 agosto 1981 c’è un cambio di toponomastica cittadina per cui il nuovo indirizzo della sede diventa quello attuale: Via Don Felice Canelli n.41.
Don Felice Canelli, grande oratore, era stato parroco e monsignore della chiesa di Croce Santa, vicinissima alla farmacia, legato anche alla nostra famiglia, tra l’altro aveva battezzato mia madre: quando si dice il destino.
In data 15 marzo 1999 mia madre vende a me la farmacia.

L’autorizzazione della Città di San Severo, che nel frattempo aveva sostituito il Medico Provinciale, è del 28 aprile 1999, venendosi così a creare un insieme di Fabrizi impressionante di cui vado orgoglioso: Farmacia Fabrizi del Dr. Fabrizi Fabrizio.

Tra il 2002 ed il 2003 ho effettuato lavori di ristrutturazione totale della farmacia perciò anche detti locali sono stati aperti al pubblico, assumendo l’attuale conformazione di una farmacia, a mio parere, moderna e correlata alle odierne necessità sanitarie.

Ho creato un laboratorio galenico dove si effettuano preparazioni personalizzate su ricetta medica o no a seconda della legislazione vigente.
Abbiamo inserito anche un settore di alimentazione speciale per i celiaci ed in particolare abbiamo i prodotti surgelati che migliorano la qualità della loro dieta.

La farmacia si caratterizza per un settore naturale molto seguito ed importante perché è la filosofia della farmacia, ed è riportata anche nel logo.

Sono passato dalla prima persona singolare alla prima persona plurale, perché il lavoro di squadra è il tema dominante della farmacia, dove i laureati sono colleghi ed i non laureati sono collaboratori, non dipendenti.